Notizie ed eventi

 

27 febbraio 2016 - Viaggio fotografico "Tesori perduti"

  • 2016-02-27 10:57:00

Presso la Residenza Anni Azzurri Biarella, Dogliani (CN), il primo appuntamento di un percorso fotografico che propone raffigurazioni e letture di complessi storici dimenticati, residenziali e industriali, piemontesi e non, privi di tutela e in balia del tempo, destinati al crollo o all’abbattimento.

La Residenza Anni Azzurri Biarella è lieta di invitarvi all'inaugurazione della mostra fotografica

TESORI PERDUTI

che sarà inaugurato sabato 27 febbraio alle ore 15:00 presso la Residenza Biarella e avrà durata sino a fine marzo; aperto tutti i giorni con visita libera negli orari 9:00/12:30 - 14:30/18:00.

Tesori perduti è il primo appuntamento di un percorso fotografico che propone raffigurazioni e letture di complessi storici dimenticati, residenziali e industriali, piemontesi e non, privi di tutela e in balia del tempo, destinati al crollo o all’abbattimento.
Diversi edifici fotografati hanno una storia di architettura industriale innovativa (capannoni Pier Luigi Nervi - Tortona) o una memoria storica legata alle grandi guerre (villa M. Novi Ligure, complessi militari abbandonati).
Perché esporre foto di abbandono in una residenza per anziani? Il tema ha la duplice funzione nel sensibilizzare il visitatore a ciò che il territorio sta perdendo (edifici) e a ciò che spesso è dimenticato (l’anziano). Entrambi sono forti testimoni di una memoria storica che va preservata e valorizzata guardando oltre l’aspetto esteriore logorato dal tempo.

Facendo un passo indietro desidero illustrare ciò che genera questo tipo di fotografia:  l’esplorazione urbana (in gergo ‘urbex’). E’ una passione diffusa recentemente (ma sempre esistita nell’uomo) mossa dalla curiosità - mista ad adrenalina - nel visitare luoghi abbandonati. La fotografia è una sua componente importante: i fotografi, correndo anche qualche pericolo, si spingono in luoghi ‘in pericolo’ per immortalare uno scatto frutto di un’emozione.

Il mondo urbex (riunito su piattaforme digitali, facebook) assiste costantemente alla decadenza di luoghi storici avendo ‘aggiornamenti’ fotografici da visitatori che rilevano furti (rame, mobilia e sanitari) o crolli e cedimenti strutturali dovuti ad infiltrazioni d’acqua, neve ecc. Il motto degli esploratori urbani è: ‘prendi solo immagini, lascia solo impronte’. Questo è un comportamento imprescindibile: chi pratica esplorazione urbana non commette alcun furto, manomissione, danno ecc. L’esploratore urbano preserva a suo modo l’abbandono con la fotografia. Una seconda regola è evitare di comunicare nome e coordinate dei luoghi abbandonati al fine di preservarli da malintenzionati e vandali.

Non esistono statistiche sulla numerosità e tipologia di luoghi abbandonati. Sono sicuramente molti.

Le nove persone che esporranno presso la Residenza Biarella sono fotografi amatoriali/semi professionisti (al momento non sono molti i fotografi professionisti appassionati a questa forma di fotografia): Andrea Stoppa, Blas.Phgrafik, Caterina Mozzone, Cristina Giaccardo, Fabrizio Ambrosio, Gianpiero Casetta, Melissa Ghezzo, SottoEsposto e Stefano Barattini.
Saranno proposte 4 foto per fotografo per un totale di 36 fotografie.

L’esposizione è supervisionata dal fotografo albese Fiorenzo Calosso ed è sostenuta dal Comune di Dogliani.

Scarica la locandina

KOS Care s.r.l.
Sede Legale:
Via Durini, 9 - 20122 Milano
tel. 02 6713281 - koscare@kosgroup.com
Capitale sociale: € 2.550.000 i.v.
Reg. impr. - C.F - P. IVA 01148190547
R.E.A. di Milano n° 2124636
Direzione e Coord. art. 2497 C.C.: Kos S.p.A.

Seguici su
© 2017. Kos Care s.r.l. Tutti i diritti riservati. Privacy policy
800 131 851